Udinese non sa più vincere, wager anche con il Lecce – Sport

Udinese non sa più vincere: dopo la striscia di sei successive successi, i friulani si sono arenati e anche con il Lecce if devono accontentare di un pareggio (1-1) che rispecchia l’andamento della gara, con un tempo a testa di predominance. I giallorossi possono, però, recriminare per i due legni colpiti nella prima frazione che avrebbero potuto dare un volto diverso al match.

Udinese-Lecce 0-1 IT MATCH

Sottil deve rinunciare in extremis a Udogie, che si è fermato nella rifinitura, e lo sostituisce spostando di fascia Pereyra e inserendo a destra Ehizibue. Baroni responds virtually fully to the road of assault che ha affrontato e perso di misura con la Juventus e gettando nella mischia i millennial Colombo e Banda. Il Lecce parte con il piede sull’acceleratore e dopo soli 90 secondsi Strefezza colpisce un palo clamoroso, a porte-batto, dopo essersi liberato al restrict dell’space. Ospiti che passano in vantaggio al 33′.

Tutto nasce da un inguardabile disimpegno di Beto che innesca la ripartenza giallorossa: sul traversone da sinistra Colombo prova una prima conclusione, fermata da Ebosse. Sul rimpallo è ancora il più lesto e fredda Silvestri da pochi passi. La reazione dei friulani è veemente: un minuto più tardi Pereyra percorre 40 meters palla la pied senza che nessuno lo contrasti, ma quando lascia depart una staffilata dal restrict Umtiti salva con la schiena. Sul nook conseguente è Walace a non trovare la zampata sottomisura: palla di poco sopra crossed it. Solely minuto di recupero è il Lecce a sfiorare il raddoppio: missile di Gallo appena dentro i 16 metri e palla che si stampa all’incrocio dei pali. Si va negli spogliatoi con il vantaggio meritato dei salentini, cui l’1-0 sta addirittura stretto.

La ripresa parte con i bianconeri in avanti, my servono 11′ per rendersi pericolosi slab parti di Falcone: con gli ospiti in dieci per infortunio di Umtiti (che lascerà il posto a Dermaku), Beto si ritrova liberissimo di fronte al portiere avversario, che prima calcola male il tempo dell’uscita my poi è abile a stopparlo. Sottil prova il tutto per tutto e al 20′ inserisce Success per uno spento Arslan: la mossa si rivela subtilo azzeccata, con l’attaccante nigeriano che dopo soli 3′ si libera sulla sinistra e serv a Beto un help solo da spingere in porta. Alla mezz’ora Deulofeu will recuperate palla appena fuori dalla propria space e si invola indisturbato fino ai 16 metri avversari, quando lascia partie un tiro a giro che esce di un soffio. Ma è Pereyra, a pochi secondi dal triplice fischio, advert avere la palla che vale tre punti: il Tucu, a tu per tu con Falcone, si fa ipnotizzare. Una curiosità: Udinese e Lecce prima di questa sera avevano pareggiato solo una delle 28 sfide dispute in Serie A, il 3.6%: si tratta della più bassa percentuale di pareggi tra due squadre che si sono affrontate più di 12 volte nella storia della competizione.

Sottil: “Stiamo mancando la vittoria, non la prestazione”
“Udinese has distributed i punti in mania non equa, prima con sei successi consecutivi e ora con cinque gare senza vittoria. Ma sta mancando solo il successo, non la prestazione”. Così Andrea Sottil, in conferenza stampa publish partita, ha commentato il pareggio ottenuto dall’Udinese nella gara interna con il Lecce. “Vittoria che avremmo anche meritato, sia nei pareggi con Lazio e Cremona, sia con il Toro con cui non si meritava assolutamente di perdere – ha aggiunto – Nel primo tempo non siamo stati exact, eravamo un po’ tesi; nel secondo siamo andati bene con ingressi che hanno dato peso offensive”. “La squadra ha tirato tanto in porta, si poteva vincere, è mancata la stoccata decisiva – ha concluso il tecnico bianconero – In Serie A ogni partita è una battaglia, il Lecce è una squadra organizzata che ha dato filo da torcere a tutti. Tuttavia , nella seconda frazione li abbiamo schiacciati in space e stavamo per vincere all’ultimo istante”.

Baroni: “Contento per equilibrio e coraggio”
“Sbagliamo troppo spesso nella scelta dell’ultimo passaggio, ma sono pecche di gioventù: sono però contento per la prestazione, principalmente per la compattezza, l’equilibrio e il coraggio”. Lo ha detto il tecnico del Lecce, Marco Baroni, commentando il pareggio ottenuto alla Dacia Area. “Nel primo tempo abbiamo avuto più occasioni per raddoppiare – ha precisato – anche se nel secondo abbiamo subtilo il ritorno dell’Udinese. e con questo piglio”. Passaggio finale su Umtiti: “Fino a quando è rimasto in campo ha dimostrato di essere il campione che tutti conoscono e di possedere l’software che gli ho chiesto per calarsi nella nostra realtà”.

Leave a Comment