Napoli-Udinese 3-2: closing brivido, ma gli azzurri vincono ancora. Undicesimo successo di fila

NAPLES — Vittoria (3-2) con il brivido allo stadio Maradona per il Napoliche ha prima dominato the sfida contro theUdinese andando a segno con Osimhen, Zielinski ed Elmas e poi si è addormentato nel finale, facendosi minacciosamente avvicinare dai gol di Nestorovski e Samardzic. Ma l’undicesimo successo in campionato degli azzurri è arrivedto lo stesso e la squadra di spalletti potrà godersi la lunga sosta del campionato con un vantaggio sostanzioso in classifica.

Le pagelle di Napoli-Udinese: Zielinski disegna calcio, Elmas alla Kvara. Ebosse sovrastato

by Marco Azzi



Udinese begin sturdy

All’ultimo atto del 2022 il Napoli si è presentato ancora senza l’infortunato Kvaratskhelia, ma con la spinta additional giant dei 55 mila tifosi del Maradona e la voglia matta di chiudere in bellezza la prima parte della stagione. Udinese ha invece dovuto fare i conti con l’emergenza in difesa (out Becao e Nuytinck) e anche per questo Sottil ha deciso di sfidare la capolista senza fare calcoli, iniziando la partita con grande determinazione e all’attacco. Le prime due occasioni le hanno infatti cre proprio i friulani: con un tiro centrale di Beto (3′) and soprattutto con un colpo di tacco sotto misura di Deulofeu (8′), che ha costretto Meret a una complicata respinta in tuffo.

Osimhen segna, Deulofeu ko

Gli azzurri non si sono però fatti impressionare e sono stati bravi con il passare dei minuti a risalire la corrente, affacciandosi a loro volta in avanti con un guizzo acrobatico di Osimhen, che non è riuscito a centrare lo specchio della porte per un errore di misura. Ma il centravanti nigeriano ha preso le misure e al secondo tentative ha fatto centro (15′), svettando di prepotenza su un cross di Elmas e spedendo il pallone con la fronte in fondo alla rete. Settima rete nelle final cinque gare di campionato per il numero 9, festeggiato con un meritato applauso dalla panchina da Spalletti. Il tecnico tuscano non si è fatto condizionare nelle sue scelte dal Mondiale alle porte e ha schierato tra i titolari i 5 giocatori della sua squadra convocati per la rassegna iridata in Qatar, confermando dopo l’ottima prova con l’Empoli pure Lozano. E proprio il messicano ha fornito in contropiede a Zielinsky l’help per il gol del raddoppio, firmato dal polacco con un morbido tiro a giro intorno alla mezz’ora (31′). Solo amarezza al contrario sul fronte opposto, con il doppio svantaggio già di per sè difficile da recuperare e l’handicap aggiuntivo dell’infortunio che ha messo ko Deulofeucostretto a lasciare il suo posto a Success.

Elmas won 3 to 0

Elmas received 3 to 0 (ansa)

Elmas fa tris

Il Napoli ha invece continuato a macinare gioco ed è arrival in whole controllo della gara all’intervallo, tra gli applausi meritati del Maradona. L’unico contrattempo per Spalletti è stato il problema fisico accusato da Olivera, sostituito in avvio di ripresa da mario rui. Ma è stata l’Udinese con un’altra buona partenza a prisere per prima l’iniziativa, impegnando subito Meret con un bel tiro di Lovric (3′). Lo spavento e un paio di chiusure di Di Lorenzo hanno però scosso dal loro torpore gli azzurri, che hanno impiegato poco tempo per riprendere il whole controllo delle operazioni, spinti ancora una volta dalla carica dei 55 mila tifosi di Fuorigrotta. Lo stadio è diventato una vera e propria bolgia al minuto numero 13, quando Anguissa ha lanciato in contropiede Elmas e il macedone si è travestito da Kvaratskhelia: prima mortificando in dribbling Bijol e poi scaraventando alle spalle di Sivestri il pallone del 3-0. Poi il duello si è ripetuto con un gran tiro al volo del centrocampista, respinto dal portiere (13′) con un prodigious riflesso. Tutto è parso facile per la capolista, che ha impegnato di nuovo Silvestri alla mezzora con Osimhen, vicinissimo al poker.

Napoli, Spalletti: “Finora campionato stratosferico”. De Laurentiis: “La mia squadra migliore”



Udinese riapre i giochi ma gli azzurri fanno festa

Gone ultimately? No, incredibilmente. Il Napoli ha infatti tirato i remi in barca e si è fatto infilare per due volte in tre minuti dall’Udinese: a segno con Nestorovsky (34′, help di Success) and poi con un bel tiro dalla distanza di Samardzic (37′). Imbambolato Kim and distratto Ostigard, male subentrato to Juan Jesus. Ditto per Ndombele, che aveva preso il posto di Zielinski. Spalletti si è infuriato dalla panchina e il finale per gli azzurri è stato addirittura sofferto, con qualche mischia che si è accesa tra le panchine e tanto nervosismo. Ma dopo quattro minuti di recupero Ayroldi ha fischiato la positive e al Maradona è iniziata la festa, anche liberatoria.

Napoli-Udinese 3-2 (2-0)
Napoli (4-3-3):
Meret – Di Lorenzo, Kim, Juan Jesus (60′ Ostigard), Olivera (46′ Mario Rui) – Anguissa, Lobotka, Zielinski (67′ Ndombelé) – Lozano (60′ Politano), Osimhen, Elmas. All. Spalletti.
Udinese (3-5-2): Silvestri – Perez, Bijol, Ebosse – Ehizibue, Lovric, Walace (71′ Jajalo), Arslan (56′ Samardzic), Pereyra – Beto (71′ Nestorovski), Deulofeu (26′ Success). All. Sottle.
Arbitro: Ayroldi.
Reti: 15′ pt Osimhen, 31′ pt Zielinski, 13′ st Elmas, 34′ st Nestorovski, 37′ st Samardzic.
Ammoniti: Juan Jesus, Walace, Pereyra, Mario Rui, Ebosse.

Leave a Comment